La polemica sui libri distillati

DistillatiDa qualche giorno la casa editrice Centauria ha lanciato una nuova iniziativa: i cosiddetti libri distillati. In breve ha preso volumi celebri che si caratterizzano per la loro lunghezza e difficoltà e ne ha dimezzato (circa) il numero delle pagine, cercando di rendere più fruibile il testo e quindi il contenuto.

Le prime due uscite di Dicembre sono state Uomini che odiano le donne di Stieg Larsson (Trilogia Millennium, ricordate?) e Venuto al mondo di Margaret Mazzantini.

A un prezzo inferiore ai quattro euro, hai un buon sunto di un libro molto più corposo.

C’è un gran discutere su questa nuova frontiera della letteratura: c’è chi sostiene che se uno vuole consumare di meno, dovrebbe poterlo fare. Chi critica invece i tagli che andrebbero contro la creazione dell’autore. Tutte verità, nonché analisi parziali di una tematica che andrebbe di molto approfondita.

Per quanto mi riguarda ne ho sfogliato uno (i due usciti, li ho letti tutti in versione integrale): la mia opinione? Voi fate ciò che volete, ma non vi rischiate a regalarmene qualcuno!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

francisturner